Home » Event » Il Mago di OZ ….. oltre i nostri confini

3/05/2011

Martedì 3 maggio alle ore 10,30 presso la scuola Elementare Santa Caterina in località Soccorso si terrà la conclusione del progetto teatrale realizzato dagli ospiti e dagli operatori del Centro Diurno il Coderino dell’Opera Santa Rita insieme agli alunni della classe quarta della scuola. Il progetto che quest’anno ha come tema “IL Mago di Oz” ha previsto un periodo di preparazione con la classe per la preparazione dello spettacolo. Dalla settimana successiva la stessa esperienza verrà riproposta con la classe terza della scuola elementare Don Bosco per tutto il mese di maggio.

ll laboratorio “teatrale” è un progetto che si propone di far incontrare gli ospiti del C.D. Coderino, che da tempo seguono il progetto di attività “teatrale” ludico espressiva, con i bambini della scuola elementare, per affrontare il tema delle emozioni e per usare insieme uno strumento di comunicazione e di espressione.

Il tema scelto quest’anno è dedicato al romanzo di Lyman Frank Baum Il mago di Oz che affronta in chiave fiabesca il tema delle diverse emozioni, legate alle insicurezze che abitano l’uomo nel suo percorso di vita. La metafora principale della storia del Mago di Oz sta negli incontri che Dorothy (la protagonista) fa con tre strani personaggi: uno Spaventapasseri (privo del cervello), un boscaiolo di latta (privo del cuore) e un Leone (privo del coraggio ) che, messi insieme, formerebbero una persona completa. La morale prevede un lungo cammino: quello che crediamo di non avere è solo perché non lo sappiamo vedere. Inoltre il viaggio di Doroty è un percorso evolutivo che soddisfa un desiderio di scoprire nuove realtà. Il regno di Oz vuole rappresentare per il gruppo del Coderino, un lavoro sulla diversità, intesa come modo nuovo di pensiero e di relazione con l’altro. Incontrare ed incontrarsi con i bambini significa scoprire che esiste una linea comune che unisce ogni persona all’altra in tutte le sue diverse qualità attraverso il linguaggio emotivo che abbatte tutte le barriere comunicative favorendo la voce del sentire.